Teglio Turismo - Sito Ufficiale - Valtellina, Cuore delle Alpi


Vai ai contenuti

Passeggiate

Sport e Natura > Passeggiate

Gema - Fonte della Frascesca

Il Percorso
Bella e semplice passeggiata particolarmente indicata per le famiglie con bimbi.
Il percorso si snoda attraverso ampie zone boscose e fresche a cui si alternano punti panoramici sulla vallata e sulle cime che segnano il confine con il territorio elvetico, giungendo alle rinfrescanti acque della fonte della Frascesca.
Dal centro abitato di Teglio si seguono le indicazioni per Prato Valentino sino a giungere in località Gema Bassa. Sul tornante principale, in corrispondenza di un'azienda agricola, si innesta sulla destra una bella strada sterrata, punto di partenza del percorso, ove è possibile parcheggiare.
Dall'ampio pascolo alla vostra destra si gode una bella vista sulla parte orientale della Valtellina ed in particolare sull'abitato di Tirano.
Lasciati i prati di Gema ci si inoltra in un bel bosco misto di castagno, ciliegio e betulla; a lato della strada accompagna un sottobosco di fragoline.
Verso monte, in corrispondenza del primo pascolo che si incontra, è possibile osservare la testata della valle del Rio, dietro il quale corre il confine elvetico e, più sulla destra, si scorge il Monte Cancano che sovrasta un ampio versante coperto da boschi di abete rosso e larice. Proseguendo, dopo aver oltrepassato una zona umida caratterizzata da un bosco ad ontano, nei pressi di due piccoli edifici in pietra si gode di una bella vista sul versante orobico e sul passo del Mortirolo.
Giunti al passaggio di un piccolo ruscello di prosegue dritto ai piedi di verdi pascoli, lasciando a sinistra lo sterrato in salita.
Si giunge così ad un parapetto verde in metallo da cui si scorge in tutta la sua maestosità il Monte Cancano, da questo punto ci si inoltra, per un breve tratto, in un bel bosco di puro faggio ed il percorso prende ad essere accompagnato da gorgogliare del torrente Rio.
Si giunge dopo poco alla fonte della Frascesca.
Percorsi ancora pochi metri in discesa si può osservare una vena di roccia calcarea, che si distingue per il colore biancastro, che in tempi antichi veniva lavorata nella vicina fornace.


Difficoltà: Facile
Tempo di percorrenza: 1h 20' (a+r)
Tipologia: andata e ritorno
Note: Adatta a famiglie con bimbi

S.Pietro - Palama - Ravaröla - S.Pietro


Il Percorso
Semplice passeggiata che attraversa il caratteristico ambiente rurale di media montagna, ove si alternano campi coltivati, prati, vigne e frutteti. A seconda delle stagioni si possono osservare le coltivazioni tipiche telline di patate, orzo, segale e grano saraceno.
Il percorso prende il via dalla chiesetta romanica di S. Pietro, prosegue per via Lazzaroni fino alla contrada di Verida, ove si prende verso sinistra in salita e poi subito a destra per un'ampia strada sterrata.
Ci si inoltra per una zona ampiamente terrazzata coltivata a campo, a seconda delle stagioni si alternano qui segale, orzo, patate, grano saraceno secondo la tradizione contadina della rotazione. A valle potete notare la verde frazione di Somasassa col caratteristico bel campanile della chiesa di S. Gottardo.
Lasciata alla propria sinistra una traccia in cemento, si prosegue sullo sterrato; al successivo bivio, in corrispondenza di un tipico rustico in sasso, si prosegue alla propria sinistra. Da questo punto si gode di una bellissima vista sulla parte orientale della Valtellina e si possono chiaramente scorgere in successione gli abitati di Boalzo, Bianzone, Villa di Tirano, Tirano (sovrastata dalla mole del monte Massuccio che si staglia alla vostra sinistra) e, sul fondo, il conoide di Sernio.
In corrispondenza della case di Palama si prosegue a sinistra costeggiando i fabbricati ed addentrandosi in un bosco di castagni; qui la strada si restringe e prende a salire in tornante a sinistra.
Dopo 5 m si segue la traccia sulla destra che con salita accentuata conduce alla località di Ravaröla attraverso un bosco misto di castagno, larice, tiglio, quercia, pioppo tremolo e betulla con un goloso sottobosco di mirtillo (5 minuti di cammino, prestare attenzione al versante particolarmente esposto).
In corrispondenza di un grosso castagno si piega a sinistra verso il complesso di edifici in sasso; oltrepassati i caseggiati si gode di una bella vista sulla Val Caronella ed i monti Gavazza e Torena.
Si prosegue in piano in direzione di Teglio, addentrandosi nel bosco, in prevalenza di castagno. Si raggiunge quindi un piccolo edificio,oltrepassato il quale, al bivio, si prosegue a sinistra su di una breve discesa in battuto di cemento, andando a ricongiungersi con la strada percorsa all'andata; ci riporta quindi verso la contrada di Verida e, poi, attraverso via Lazzaroni, si giunge nuovamente alla chiesetta di S. Pietro.


Difficoltà: Facile
Tempo di percorrenza: 1h
Tipologia: anello
Note: Adatta a famiglie con bambini (tratto S.Pietro-Palama)

In arrivo altre passeggiate per tutta la famiglia - Torna presto a consultare questa sezione.

Home Page | Ospitalità | Servizi | Arte e Cultura | Sport e Natura | Enogastronomia | Eventi | Come arrivare | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu